Dal terzo settore

Stampa

Incontro nazionale del Forum Salute Mentale (Trieste, 19 novembre)

.

Forum Salute Mentale

Incontro nazionale - Trieste, 19 novembre 2008
Comprensorio di S. Giovanni

ore 9.30

Franco Rotelli: Saluti

Giovanna Del Giudice: Le ragioni dell'incontro

Luigi Benevelli/ Giuseppe Dell'Acqua: Analisi critica delle proposte di revisione della L. 180

Interventi e proposte dei Forum Regionali

13.30 Pausa pranzo

14.30

La riforma italiana vista dai cinque continenti/ incontro di cooperazione organizzato dal Centro Collaboratore dell' OMS

Coordina Maria Grazia Giannichedda

  • Alan Rosen, Direttore dei Servizi Lower North Shore, Sydney, Australia
  • John Jenkins, Gran Bretagna, Presidente dell'International Mental Health Collaborating Network (IMHCN)
  • Dr. Hazem Ashour, Direttore della Salute Mentale - West Bank, Palestina
  • Vladimir Jovic, Direttore Servizi di Salute Mentale, Nis, Serbia
  • Graciela Natela, psichiatra, Rete delle Buone Pratiche in Salute Mentale, Sanità e Innovazioni del Welfare State, Rio Negro

16.00

Discussione su quali strategie ed azioni il Forum intende promuovere

Definizione del prossimo incontro del Forum, temi e sede

Proposta di forma associativa da affiancare al Forum

Ai fini organizzativi e dell'accoglienza, è gradita una conferma di partecipazione

www.forumsalutementale.it

SEGNALIAMO INOLTRE:

17 novembre '08 ore 20,30

Teatro del Comprensorio di S. Giovanni
Concerto celebrativo dei 30 anni della 180 e della 833 nonché i 100 anni del Comprensorio di San Giovanni
Rocco Filippini, vc., Mariana Sirbu, vl., Bruno Canino, pf.
Beethoven

18 novembre, ore 14,30
Sala riunioni Direzione Generale ASS1 - Villa Renner
Incontro-Seminario sulla cooperazione internazionale in aree difficili

Coordina: Mario Reali, Roberto Mezzina - Trieste

Relazione sul Programma OMS in Palestina

Relazione sulla chiusura dell'OP di Nis, Serbia e sul dopo-Stability Pact

Alan Rosen, Australia: L'EB Practice e la medicina non occidentale: contraddizione o integrazione?

Dibattito

ore 18: Conclusioni

(il seminario è aperto ai partecipanti al Forum)

Stampa

Le decisioni della Nona Assemblea nazionale degli Enti locali per la pace

.

Coordinamento nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani
Assemblea Legislativa dell'Emilia Romagna
Provincia di Ferrara - Comune di Ferrara

COMUNICATO STAMPA

"Costruiamo le città dei diritti umani"
9a Assemblea Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani

"Voglio vivere in pace,
in una città bella e solidale,
in un mondo libero dalla paura.

A conclusione della 9a Assemblea Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani che si è svolta a Ferrara dal 13 al 15 novembre 2008 è stato approvato il seguente documento che sintetizza le principali idee e proposte emerse:

"Le città sono il posto dove si scaricano tutte le tensioni e i problemi del mondo. E in un mondo che si carica tutti i giorni di tensioni irrisolte, le città pagano inevitabilmente il prezzo più alto. La crisi globale è già entrata nelle nostre città ma molti degli effetti peggiori devono ancora arrivare. L'insicurezza planetaria è cominciata a diventare l'insicurezza delle nostre città. La paura del domani che accomuna milioni di esseri umani è sempre di più anche la paura dei nostri giovani e dei nostri cittadini.

Per questo, le città, i luoghi dove vive la gente, il cuore vitale dell'Italia, dovrebbero essere al centro delle preoccupazioni di tutti, governo e parlamento compresi. E invece, le città sono sempre più spesso caricate di responsabilità ma spogliate di strumenti operativi, bersaglio di tagli indiscriminati di risorse e ai sindaci viene chiesto di trasformarsi non in costruttori di pace ma in ragionieri, notai e sceriffi.

Ripartire dalle città e impegnarsi a costruire le città dei diritti umani vuol dire scegliere la strada giusta per uscire dalla grave crisi economica, sociale, ambientale ed etica che stiamo attraversando.

Al centro delle città dei diritti umani non ci sono gli interessi di qualcuno, non ci sono gli affari di alcuni gruppi di potere, non ci sono i mattoni ma le persone, tutte le persone che vivono nella città con i loro fondamentali bisogni umani, rispettando il principio di legalità e uguaglianza scolpito nel primo articolo della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani "tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti umani e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.".

Sindaci, Presidenti, Assessori, consiglieri e tecnici non sono chiamati a guidare e a gestire dei Comuni ma delle Comunità. Il Sindaco di Ferrara non è il sindaco del Comune di Ferrara: è il sindaco della Comunità di Ferrara. Il Sindaco di Perugia è il sindaco della Comunità di Perugia.

Nelle città dei diritti umani non si può parlare di diritti umani senza parlare di responsabilità. Ad ogni diritto umano corrispondono delle responsabilità. Gli Enti locali sono le istituzioni più vicine ai cittadini e hanno la responsabilità primaria di garantire e difendere i diritti fondamentali di tutte le persone che vivono, anche temporaneamente, nella città e di coloro che verranno dopo. Essi hanno la responsabilità di proteggere le persone e in particolare quelle più vulnerabili, le più deboli e le più esposte alle violazioni della dignità e dei fondamentali diritti umani.

Nelle città dei diritti umani c'è una responsabilità per tutti. Per i sindaci, presidenti, assessori, consiglieri e tecnici degli enti locali ma anche per tutti i cittadini che sono chiamati a partecipare attivamente alla vita della comunità. Difficilmente gli uni possono essere efficaci senza un impegno coerente degli altri.

Il sindaco è il difensore dei diritti fondamentali di tutte le persone, il garante dei diritti e delle responsabilità di ciascuno.

Le città dei diritti umani hanno le porte aperte perchè attraverso di esse "passano non solo i grandi ideali della pace, della cultura, della spiritualità, della bellezza e della speranza, ma passano anche i grandi flussi finanziari, economici, turistici, commerciali che vengono da ogni angolo della terra, che sono capaci di assicurare ai loro abitanti, col lavoro, la sicurezza, dignità sociale ed economica."

Le città dei diritti umani hanno il cuore e gli occhi aperti sul mondo, promuovono e organizzano interventi di solidarietà e cooperazione internazionale contro la miseria, le guerre e la violazione dei diritti umani, difendono i beni pubblici globali e promuovono la legalità e la giustizia internazionale, ripudiano la guerra e investono nella diplomazia delle città, promuovono la democratizzazione e il rilancio dell'Onu, casa comune dell'umanità, e delle istituzioni internazionali democratiche."

I prossimi appuntamenti in programma sono:

  • il 10 dicembre 2008: Giornata nazionale d'azione per i diritti umani in occasione del 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.
  • L'evento centrale della giornata sarà una manifestazione per il diritto e la libertà d'informazione, per un'informazione e la cultura della pace che si terrà il 10 dicembre davanti alla sede della Rai di Roma a Viale Mazzini.
  • Il 21 marzo 2009 a Napoli: manifestazione nazionale promossa da Libera e da Avviso Pubblico per la legalità e la pace, contro tutte le mafie.
  • 8 - 9 - 10 maggio 2009 - Assisi: Meeting nazionale dei giovani per l'Europa e la pace in occasione della Festa dell'Europa.

L'Assemblea ha inoltre deciso che la prima riunione della Presidenza Nazionale del Coordinamento degli Enti Locali per la pace e i diritti umani si terrà a Vicenza, in solidarietà con il sindaco della città del Palladio.

Il piano di lavoro 2009-2010 include inoltre le seguenti linee d'azione:

  • 1. Verso le elezioni amministrative 2009. Definire idee, programmi e proposte per costruire le città dei diritti umani
  • 2. Organizzare un corso di formazione per operatori e dirigenti degli uffici per la pace, i diritti umani e la cooperazione internazionale
  • 3. Programma nazionale Giovani di pace, difensori dei diritti umani.
  • 4. Programma nazionale "Facciamo pace a scuola"
  • 5. Il programma "100 città per la pace in Medio Oriente"
  • 6. Programma L'Italia per e con il Libano
  • 7. Assemblea nazionale degli Enti Locali per e con l'Africa. Stati generali dell'Africa
  • 8. La campagna "per un'informazione e la cultura di pace"
  • 9. La campagna per il disarmo contro le armi nucleari

Ufficio Stampa
Floriana Lenti 338/4770151
Coordinamento nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani
tel. +39 075 5734830 Fax +39 075 5721234
email: stampa@perlapace.it - sito: www.entilocalipace.it

Stampa

Un corso per volontari nel campo della salute mentale. Progetto della Fondazione Di Liegro

.

FONDAZIONE INTERNAZIONALE DON LUIGI DI LIEGRO

Sabato 22 novembre alle ore 9.30, riapre il corso di formazione
"Volontari e famiglie in rete per la salute mentale"

Gli incontri si terranno presso la sede dell'università UPTER in via IV Novembre 157 (nei pressi di via Nazionale).

Sono invitati ad iscriversi tutti coloro che:
1) sono disponibili ad intraprendere un 'esperienza di volontariato
partecipando attivamente alle iniziative della Fondazione
a vantaggio delle persone con disagio psichico e delle loro famiglie;

2) oppure coloro che intendono approfondire il tema della salute mentale,
secondo un approccio qualificato che è insieme scientifico e sociale.


Potete trovare tutte le informazioni nei documenti allegati.

Le iscrizioni sono aperte presso la segreteria della Fondazione.


Potete scaricare:
- la presentazione del progetto
- il programma del corso

Fondazione Internazionale Don Luigi Di Liegro
Via del Mortaro, 26
00187 Roma
Tel/fax: 06 69 92 04 86
www.fondazionediliegro.it

Stampa

Un incontro dibattito sul volontariato (Salerno, 7 novembre)

.

I gruppi L'ipotenusa, Oasi e Impegno e solidarietà organizzano a Salerno, il 7 novembre prossimo, un incontro-dibatitto a partire dal libro "La Traccia: riflessioni sul volontariato nella provincia di Salerno", opera di Sabina Licursi e Giorgio Marcello - ambedue ricercatori dell'Università della Calabria - edita da Nuova Frontiera edizioni.

Scarica l'invito all'incontro

Questo sito web utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su `Accetto` acconsenti all`uso dei cookie.