Stampa

Il Gabbiano disponibile ad accogliere 8 migranti raccolti dalla nave di Open Arms

La prefettura di Lecco, però, ha dato una risposta negativa


Nei giorni scorsi, l'Associazione Comunità Il Gabbiano ha chiesto alla prefettura di Lecco di poter accogliere, a titolo gratuito, otto naufraghi raccolti in mare da Open Arms. La risposta è stata negativa. A questo punto l'associazione ha deciso di stilare questo comunicato.

Comunicato Stampa

L'Associazione Comunità Il Gabbiano onlus si occupa da molti anni dell'accoglienza di persone fragili e vulnerabili, messe ai margini dalla società. Obbedendo al semplice principio di umanità che ci attraversa, ci rendiamo disponibili a ospitare alcuni dei profughi tratti in salvo dalla nave Open Arms lo scorso 2 agosto e al momento in attesa, in acque internazionali, di poter essere sbarcati in un porto che dia loro un messaggio di prossimità.

Si tratta di centosessanta naufraghi, di cui ventitré minori e due donne in stato di gravidanza, il cui sbarco non è stato autorizzato dai governi europei e, in particolare, da quello italiano.

Sentendoci parte della società, così come già dichiarato dalla Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e dalla Tavola Valdese, ci facciamo promotori attivi dell'accoglienza di persone provate e senza nessuna colpa: nei giorni scorsi abbiamo chiesto agli organi competenti di poterlo fare.

Siamo convinti della preminenza della tutela del diritto all'esistenza di donne e uomini, minori e adulti, di fronte a qualsiasi strumentalizzazione di problemi che dovrebbero essere affrontati rispettando in primo luogo il diritto alla vita delle persone.

Associazione Comunità Il Gabbiano onlus
10 agosto 2019



 
.

Questo sito web utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su `Accetto` acconsenti all`uso dei cookie.