Stampa

'La mia storia sulla pelle', concorso fotografico rivolto a giovani adottati o che sono stati in affido

Promuove il Centro di terapia dell'adolescenza di Milano

Comunicato stampa

Concorso CTA "La mia storia sulla pelle"

"Scrivo su di me le possibili traiettorie di un viaggio che non smette mai, scrivo su di me tutte le volte che l'urgenza mi chiama, quando un'immagine diventa la condensazione acutissima di un sentire ancora confuso e pur tuttavia già insistente..." Marenko B., "Segni indelebili. Materia e desiderio del corpo tatuato". Feltrinelli, Milano, 2002

Cultura del tatuaggio
L'interesse per il tatuaggio nasce dalla contaminazione di culture diversissime: i marinai, i migranti, i reietti, i circensi, i fuori legge, i pellegrini e i ribelli utilizzavano tecniche diverse per scriversi indelebilmente sulla pelle: una popolazione trasversale penetrata dall'esigenza di "marcarsi" il corpo.
All'interno della popolazione dei tatuati si collocano anche gli adolescenti adottivi e quelli con un passato di affido, coloro su cui pesa una diversità da dover assimilare, un filo conduttore in una storia da ricercare, diverse appartenenze da integrare. Le storie di chi è stato adottato o in affido sono spesso costellate da appartenenze a culture diverse e percorsi in nuovi contesti in cui la diversità è una realtà con cui convivere.

Le proprie radici sono segni indelebili
Per questi ragazzi la gestione della permanenza ha un valore assoluto: tatuarsi significa disegnare indelebilmente oggi, sulla propria pelle, riferimenti al proprio passato che saranno presenti anche domani, manifestando il bisogno di connettersi con la propria storia per creare una continuità nella propria identità. Passato e presente si radicano nel corpo. Il tatuaggio può rendere visibile il passato e incrementare la capacità di riflettere su di esso.
Così come il corpo porta scritte su di sé le tracce corporee del passato, attraverso il tatuaggio, le storie dei ragazzi diventano tracce visibili.

La tecnica del tatuaggio consiste nel pungere ripetutamente la pelle con aghi o altri arnesi appuntiti di diversi materiali per inserire con la punta un pigmento indelebile che penetra tra lo 0,2 e lo 0,5 cm di profondità. Sentire dolore fisico durante la pratica del tatuaggio è una condicio sine qua non per la sua realizzazione. È il dolore fisico a marcare il passaggio da uno stato all'altro, a segnare un punto di non ritorno un momento di trasformazione.
Spesso la ricerca delle proprie origini e quindi della propria identità implica dover entrare in contatto con vissuti dolorosi, di perdita e di abbandono.
Richiede lo stesso percorso: riscrivere la propria storia, attraversandola con dolore, a partire da quei segni indelebili che corrispondono alle proprie ferite.

Concorso "La mia storia sulla pelle"
Il settore adozione e affido del CTA - Centro di Terapia dell'Adolescenza di Milano - ha ideato il concorso fotografico "La mia storia sulla pelle". La partecipazione è gratuita, aperta a tutti coloro che sono stati adottati o sono stati in affido e che posseggono un tatuaggio.
Sarà possibile inviare le fotografie dal 15 luglio al 30 ottobre 2018. La consegna della foto e delle informazioni personali dovrà avvenire compilando l'apposita scheda di partecipazione presente sul sito CTA .

L'idea, la bellezza estetica, la tecnica fotografica, l'originalità e ciò che il tatuaggio esprime riguardo al tema delle proprie origini saranno i criteri fondamentali della selezione.
Tra i premi: un weekend in barca a vela nel mediterraneo, un workshop fotografico, buoni per tatuaggi e una copia del libro Inward: the art of Thomas Hooper.

La cerimonia di premiazione avrà luogo a Milano entro il mese di dicembre 2018. Tutti i partecipanti al concorso verranno invitati a partecipare.

Il progetto è realizzato in collaborazione con:
• CARE Coordinamento delle Associazioni familiari Adottive e Affidatarie in Rete

con il patrocinio di:
• Associazione CO.ME.TE.
• SIRTS (Società Italiana di Ricerca e Terapia Sistemica).

con il sostegno di:
• Gaf Comunicazione di Parma
• Guz Tattoo di Tradate (VA)
• Tattolife
• Toniutattoo di Noceto (PR)

Per vedere il regolamento completo e per partecipare:
https://www.centrocta.it/la-mia-storia-sulla-pelle/

Per vedere le foto in gara:
https://www.centrocta.it/la-mia-storia-sulla-pelle-instagram/
https://www.facebook.com/ctaconcorsotatuaggi/

Per informazioni: lamiastoriasullapelle@centrocta.it

Articoli e interviste:

https://www.tag24.it/wp-content/uploads/2018/08/VADILOGA-ANNALISA.
http://www.vita.it/it/article/2018/07/27/un-tatuaggio-per-raccontare-ladozione/148719/



 
.

Copyright © 2013 CNCA - Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza - Via di Santa Maria Maggiore, 148 - 00184 Roma
Tel. +39 06-4423 0403 - Fax +39 06-4411 7455 - Email: info@cnca.it - Pec: cnca@pcert.postecert.it - CF 05009290015
PRIVACY

gratis porno

Questo sito web utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su `Accetto` acconsenti all`uso dei cookie.