Stampa

Attentato di Macerata, superata la linea rossa

La xenofobia mette a rischio la democrazia

Comunicato stampa

Attentato di Macerata, superata la linea rossa.
Quella che garantisce la democrazia
Prioritario impegno delle forze politiche e sociali
in favore della convivenza.
La marcia di Chioggia e la visita all'hotspot di Pozzallo

Roma, 5 febbraio 2018

"L'attentato di Macerata ha fatto emergere qualcosa di inaudita gravità. E' stata superata una linea rossa, quella che separa il confronto/scontro tra opinioni legittime – anima della democrazia – dalla violenza indiscriminata mossa da odio e xenofobia, che non può mai essere legittimata nel discorso pubblico", dichiara don Armando Zappolini, presidente del Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA).

"Ciò che colpisce maggiormente in questa terribile vicenda", continua il presidente del CNCA, "non è solo l'azione di una persona mossa da un'ideologia di estrema destra, ma le reazioni che questo misfatto ha generato. Abbiamo assistito non solo alle consuete strumentalizzazioni politiche, ma a un atteggiamento più o meno esplicito di giustificazione, ad argomentazioni che ricordano il "se lo sono cercati", all'evocazione di un fantasma ¬– la 'bomba sociale pronta a esplodere' –, insomma a un succedersi di prese di posizioni che hanno finito per rafforzare la sensazione delirante di un'invasione ostile, nei confronti della quale 'noi' non potremmo non difenderci, con ogni mezzo. Diciamo da tempo che si sta scherzando con il fuoco. Ora il fuoco è arrivato, quello dei proiettili che per fortuna, questa volta, hanno fatto solo feriti. È irresponsabile da parte di determinate forze politiche continuare a fomentare un allarme che non ha alcun riscontro nella realtà, con il rischio di provocare nuovi 'regolamenti di conti' che scuoterebbero e destabilizzerebbero nel profondo il tessuto sociale e democratico del paese."

"Come CNCA", conclude don Zappolini, "continuiamo a pensare che solo delle serie politiche di accoglienza – oltre un'emergenza ormai strutturale – e di sostegno al benessere sociale ed economico delle popolazioni dei paesi meno ricchi – oltre gli interessi dei gruppi dominanti in tali stati –, potranno realmente dare una risposta a una questione epocale come è quella delle migrazioni. Nemmeno bloccare i migranti nelle carceri libiche o nel deserto del Niger è una soluzione credibile, e accettabile dal punto di vista morale e politico. Le forze politiche e sociali debbono sentire questa sfida come prioritaria perché davvero è in gioco il futuro delle nostre democrazie. A Chioggia, sabato scorso, la rete Veneto accoglie, a cui aderiamo anche noi, ha promosso una bellissima marcia 'side by side, fianco a fianco', italiani e stranieri, per l'umanità e contro la xenofobia. Dall'1 al 3 febbraio abbiamo tenuto una winter school sull'immigrazione a Pozzallo proprio per ragionare insieme su come promuovere la convivenza e l'intercultura, visitando anche l'hotspot della cittadina siciliana. C'è un lavoro enorme da fare. Basta odio, restiamo umani."


 
. Postato in Comunicati stampa

Copyright © 2013 CNCA - Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza - Via di Santa Maria Maggiore, 148 - 00184 Roma
Tel. +39 06-4423 0403 - Fax +39 06-4411 7455 - Email: info@cnca.it - Pec: cnca@pcert.postecert.it - CF 05009290015

gratis porno

Questo sito web utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su `Accetto` acconsenti all`uso dei cookie.