Stampa

''Per una politica dei diritti e delle responsabilità''

Appuntamento il 7 dicembre presso l’Aula magna della "Sapienza". Chi si impegna sul fronte droghe venga a Roma. Conferenza nazionale promossa dalla Campagna "Non incarcerate il nostro crescere", Regioni, Enti locali, politici, cittadini.

 

ROMA – Il Governo affonda la Conferenza nazionale sulle droghe, la Campagna nazionale "Non incarcerate il nostro crescere" – che raccoglie circa 40 organizzazioni nazionali del mondo sindacale e del terzo settore – invita tutti coloro che sono impegnati sul fronte delle droghe, del mondo giovanile, del disagio – e sono interessati a un confronto vero – a partecipare alla Conferenza dibattito "Per una politica dei diritti e delle responsabilità", che si terrà a Roma mercoledì 7 dicembre 2005.

L’evento avrà luogo presso l’Aula magna dell’Università "La Sapienza" in piazzale Aldo Moro 5, con inizio alle ore 9,30. La manifestazione si chiuderà alle ore 18,00 con un concerto di Ricky Gianco, Gianfranco Manfredi e altri gruppi musicali.

Hanno già confermato, tra gli altri, la loro presenza: Lucio Babolin (CNCA), Rosi Bindi (Margherita), Giovanni Bissoni (Regione Emilia Romagna), Susanna Camusso (CGIL), Luigi Cancrini (Comunisti italiani), Daniele Capezzone (Radicali), Giusto Catania (Rifondazione comunista), don Luigi Ciotti (Gruppo Abele), Claudio Cippitelli (CNND), Maurizio Coletti (Itaca Italia), Franco Corleone (Forum Droghe), Riccardo De Facci (CNCA), Fausto d’Egidio (FEDERSERD), Graziano Delrio (Unione Province Italiane), Paolo Ferrero (Rifondazione comunista), Giuseppe Fioroni (Margherita), Vittorio Foschini (ERIT-Italia), Patrizio Gonnella (Antigone), Leopoldo Grosso (Gruppo Abele), Grazia Labate (DS), Giuseppe Lumia (DS), Francesco Maisto (Magistratura Democratica), Luigi Manconi (DS), Alessandra Mandarelli (Regione Lazio), Piero Marrazzo (Regione Lazio), Teresa Marzocchi (CNCA), Guglielmo Masci (Agenzia comunale per le dipendenze-Roma), don Antonio Mazzi (Exodus), Mefisto (ConFini Zero), Fabio Melilli ((Unione Province Italiane), Alfonso Pecoraro Scanio (Verdi), Livio Pepino (Magistratura Democratica), Edo Polidori (FEDERSERD), Silvia Stefanovichj (CISL), Livia Turco (DS), Beppe Vaccari (Itaca Italia), Walter Veltroni (Comune di Roma), Nichi Vendola (Regione Puglia), Grazia Zuffa (Forum Droghe).

I promotori della Campagna hanno deciso di disertare l’appuntamento che il Governo organizza a Palermo dal 5 al 7 dicembre prossimi. Anzi, domandano a tutti gli addetti ai lavori che hanno deciso di parteciparvi: come si può accettare di legittimare, con la presenza, proposte legislative così distanti dalla realtà dei fenomeni che affrontiamo ogni giorno (prevedendo, ad esempio, sei anni di carcere per un giovane consumatore accusato di semplice possesso di stupefacenti)? Come si può pensare di trattare fenomeni così diversi in maniera così uniforme (vedi l’obbligo della pena per giovani sperimentatori come per i tossicodipendenti gravi o per gli spacciatori)? Di cosa discutere in una conferenza se i punti più significativi sono già definiti nella proposta di legge presentata dal Governo in Parlamento? Come costruire un sistema di intervento moderno senza il coinvolgimento delle Regioni, dei servizi, degli operatori, delle persone interessate a tale fenomeno? Come accettare la proposta di trasformare gli operatori in carcerieri? Come sostenere la distruzione dei servizi pubblici? Come credere alla volontà del Governo di contrastare la diffusione delle droghe quando risultano del tutto insufficienti le risorse previste per un nuovo sistema? Anche per testimoniare tali dubbi la Campagna organizzerà un sit in a Palermo, il 5 dicembre, di fronte alla sede della Conferenza governativa.

La Conferenza di Roma del 7 dicembre sarà, dunque, l’occasione non solo per ribadire le ragioni dell’opposizione alla politica antidroga elaborata dal Governo – e non condivisa dalla stragrande maggioranza degli addetti ai lavori dei servizi pubblici e privati – ma anche per riflettere insieme – associazioni, comunità, enti, servizi pubblici, cittadini, Regioni, Enti locali e forze politiche – sulla costruzione di un’agenda futura sul tema dei consumi, degli abusi e delle dipendenze: politiche giovanili, depenalizzazione dei consumi e nuove proposte legislative, sistemi di intervento ad alta integrazione pubblico-privato, evoluzione dei consumi e delle risposte.

Alle ore 13,00 è prevista la conferenza stampa a cui parteciperanno rappresentanti della Campagna, delle istituzioni e dei politici presenti alla Conferenza.


Roma, 30 novembre 2005

 
. Postato in Comunicati stampa

Questo sito web utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su `Accetto` acconsenti all`uso dei cookie.